“Famiglia diventa ciò che sei” – Lettera pastorale 2008

Paolo, chiamato ad essere apostolo
di Gesù Cristo per volontà di Dio, e
il fratello Sòstene, alla Chiesa di Dio
che è in Corinto, a coloro che sono
stati santificati in Cristo Gesù, chiamati
ad essere santi insieme a tutti
quelli che in ogni luogo invocano il
nome del Signore nostro Gesù
Cristo, Signore nostro e loro: grazia
a voi e pace da Dio Padre nostro e
dal Signore Gesù Cristo. (1 Cor 1, 1-3)
 
Con queste parole, prese in prestito dall'apostolo Paolo, saluto anch'io i fedeli dell'amata Chiesa diocesana. Anche io come lui sono stato chiamato ad essere Apostolo di Gesù Cristo, e a voi inviato il 23 dicembre 2004 per annunciare a tutti l'amore di Dio e la vocazione a diventare suoi figli e quindi anche eredi, con Gesù, del Regno del Padre suo e nostro.
Ho scelto questa apertura per la lettera pastorale perché in tutta la Chiesa si sta celebrando il bimillenario della nascita di Paolo. La sua conversione, avvenuta sulla via che da Gerusalemme conduce a Damasco, nell'attuale Siria, ha segnato una svolta decisiva per l'annuncio del Vangelo.
 
(...)
 
NOTA: quelle riportate qui sopra sono le prime righe della Lettera pastorale “”Famiglia diventa ciò che sei””, scritta da mons. Ceccobelli nel novembre 2008; la versione integrale potete visualizzarla aprendo il Pdf allegato.
“”

23-11-2008